,

PadovaLegge promuove il dibattito su competenze e merito delle classi dirigenti

PadovaLegge promuove il dibattito su competenze e merito delle classi dirigenti

Riprende anche quest’anno la rassegna di incontri promossi dall’Associazione PadovaLegge, con un convegno dal titolo “Le classi dirigenti”, organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Padova, accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Padova.

L’appuntamento è per sabato 26 gennaio, a partire dalle ore 9.30, presso la Sala dei Giganti dell’Università patavina in piazza Capitaniato, 3/5.

La stagione 2019 di PadovaLegge inizia con un appuntamento di grande interesse, che offre l’opportunità di riflettere su una delle questioni dirimenti della stagione politica e sociale che stiamo vivendo: il rapporto necessario tra governo della cosa pubblica e competenze amministrative, un legame che lo spirito del tempo attuale sembra aver orgogliosamente accantonato. Si è fatta ormai strada l’idea che i sistemi democratici possano reggersi e operare senza un’autentica classe dirigente, tecnicamente all’altezza: la cronaca politica quotidiana offre molti spunti di riflessione sul cambiamento della dialettica tra sapere e potere. Le competenze sembrano non contare più nulla, tanto più in politica, dove con il voto democratico – o anche solo un sondaggio on line – uno vale sempre uno. Il dilagare del qualunquismo e dei populismi è anch’esso un effetto collaterale di questa idea, sbagliata, per la quale una democrazia incompetente è garanzia di una democrazia più pulita. Ma è veramente questa la realtà alla quale vogliamo arrenderci, o c’è forse ancora spazio per il riscatto del merito e la valorizzazione delle conoscenze nella vita pubblica, delle quali c’è in realtà assoluto bisogno?

Gli atenei italiani e la ricerca devono tornare al centro del dibattito pubblico: perché è anzitutto nelle Università che può formarsi la classe dirigente di domani.

La giornata di confronto e dibattito pubblico organizzata da PadovaLegge proverà a fornire una chiave di lettura del presente e a tracciare delle linee guida di prospettiva per il futuro; e ciò avverrà riunendo un ricco parterre di ospiti, voci autorevoli del mondo della politica, dell’economia, dell’università e dell’informazione.

A dare il benvenuto ai partecipanti saranno il prof. Rosario Rizzuto, rettore dell’Università di Padova e Sergio Giordani, sindaco del Comune di Padova.

Il convegno sarà diviso in due differenti sessioni.

In quella mattutina, dalle ore 9.30 alle ore 12.15 e intitolata “Democrazia e classi dirigenti”, interverranno la prof.ssa Veronica De Romanis, economista e docente European Economics alla Luiss di Roma e alla Standford University in Florence, l’on. Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio dei Ministri nella scorsa legislatura, il prof. Rosario Rizzuto, rettore dell’Università patavina, e Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2 Rai. Ad aprire i lavori sarà la relazione introduttiva del prof. Luciano Violante, presidente emerito della Camera dei Deputati, e a moderare la tavola rotonda sarà Ferruccio De Bortoli, editorialista del Corriere della Sera.

Alla sessione pomeridiana, dalle ore 14.15 alle ore 17.00 e dedicata al tema “Costruire le classi dirigenti”, prenderanno invece parte Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico nel passato governo, Stefano Lucchini, Chief Institutional Affairs and External Communication Officer in Intesa Sanpaolo, il prof. Gaetano Manfredi, presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane e rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, e il prof. Giulio Tremonti, presidente dell’Aspen Institute Italia. A introdurre il dibattito saranno le considerazioni del prof. Francesco Profumo, già ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e a moderare la tavola rotonda sarà Maurizio Molinari, direttore de La Stampa.

Nel corso dell’evento, poi, a voler sottolineare la necessità del merito e delle competenze nella vita pubblica del nostro Paese, l’Associazione PadovaLegge, che è sorta per volontà dell’avvocato Fabio Pinelli proprio con l’obiettivo di favorire il diritto allo studio senza ostacoli di natura economica, consegnerà anche quest’anno cinque borse di studio a studenti meritevoli iscritti all’Università di Padova.

La classe dirigente non si forma a tavolino – dice il Rettore Rosario Rizzuto -. Nell’ambito della terza missione l’Università ha il compito di trasferire tutte le sue competenze alla società, dalla cultura alla capacità di analisi. I giovani che noi formiamo hanno il compito di disegnare il futuro della società, e la nostra ambizione è che i giovani laureati vadano pure all’estero nell’ottica di una formazione internazionale, ma poi ritornino per costruire la nuova classe dirigente del Paese, forti di una cultura capace di essere competitiva. Una riflessione fatta con altre realtà e associazioni come quella che proponiamo nell’incontro di sabato con personalità della politica e della cultura che discutono su grandi argomenti è importante per la città e contribuisce a una riflessione collettiva.”

“Il criterio della selezione della classe dirigente di un Paese – argomenta l’ideatore del convegno, il presidente di “PadovaLegge” avvocato Fabio Pinellideve essere il prodotto della ricerca di una attento equilibrio tra consenso e competenza. Il percorso formativo e la preparazione che gli Atenei italiani sono in grado di offrire sono sicuramente idonei e all’avanguardia, anche per preparare la classe dirigente del futuro al governo della cosa pubblica. E non può più essere avallata, anzi, va respinta con fermezza l’idea che al merito, alla preparazione e alla professionalità si possano sostituire un finto sapere tuttologo e un consenso che è puramente virtuale, tanto più se quest’ultimo è guadagnato attraverso il web e le sue innegabili deviazioni; in esso, infatti, troppo spesso la condivisione diviene totalmente autoreferenziale, priva di autentico confronto, e quindi nel complesso dis-informativa, visto che avviene tra persone che la pensano allo stesso modo”.

L’incontro, accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Padova (n. 4 crediti), è aperto al pubblico fino ad esaurimento dei posti ed è quindi consigliata la registrazione. Sarà possibile iscriversi separatamente alla sessione mattutina, a quella pomeridiana, o a entrambe.

Per informazioni e prenotazioni info@padovalegge.it, tel. 049.661661.

Scarica la locandina con il programma completo dell’evento.

Relazioni

Intervento avv. Fabio Pinelli

Interventi Relatori

Rassegna Stampa

L’Eurispes.it, 6 febbraio 2019

Il Mattino di Padova. 28 gennaio 2019

Il Gazzettino, 27 gennaio 2019

Giornale di Vicenza, 27 gennaio 2019

Il Mattino di Padova, 27 gennaio 2019

Corriere del Veneto, 27 gennaio 2019

Il Bo Live, 26 gennaio 2019

Il Mattino di Padova, 26 gennaio 2019

Venetoeconomia.it, 25 gennaio 2019

Giornale di Vicenza, 25 gennaio 2019

Padovando Magazine, 24 gennaio 2019

Corriere del Veneto, 24 gennaio 2019

PadovaOggi, 23 gennaio 2019

PadovaOggi, 23 gennai 2019

Corriere del Veneto.it 23 gennaio 2019

Il Mattino di Padova, 23 gennaio 2019

PadovaOggi , 22 gennaio 2019

Il Mattino di Padova.it, 21 gennaio 2019

L’Economia del Corriere della Sera, 21 gennaio 2019

Il Mattino di Padova, 18 gennaio 2019

 

Video

Rai 3, Tgr Veneto 27 gennaio 2019

Reteveneta, TG Padova 26 gennaio 2019

Telenuovo, TG Padova 26 gennaio 2019

7 Gold Telepadova  26 gennaio 2019

TV7, 22 gennaio 2019

Il Bo live 22 gennaio 2019

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
padovalegge
Meet the author / padovalegge